buono il primo

ed ecco che finalmente si riesce a fare una prima cena, non la chiamo festa visto che sono pure stato ripreso per non aver fatto il dolce e per l’assenza dello spumante.

purtroppo il fotografo era molto fraido e quindi non in grado di armeggiare correttamente con la macchinetta fotografica, quindi le testimonianze al momento sono assenti.

il menù prevedeva:

  • antipasti:
    • corstino caldo pomodoro & mozzarella
      pomodoro, condito con olio, sale, origano, pepe
      mozzarela
      spalmare il pane con il pomodoro, aggiungere la mozzarella ed infornare fino a doratura della mozzarella.
    • crostino caldo stracchino e salsiccia
      stracchino e salsiccia,
      mescolare e spalmare sul pane, infornare fino al grado di cottura della salsiccia desiderato.
    • crostino caldo ai formaggi
      1 baguette
      100g emmenthal grat.,
      100g parmigiano grat.,
      1 uovo,
      2 cucchiai panna,
      1 cucchiaio di senape,
      2 cucchiai di vino bianco secco.

      Mescolare tutto e spalmare sulla baguette tagliata per il lungo (e poi a pezzetti per porzione) e spalmata di burro
      Infornare per qualche minuto, io ho dovuto usare il grill+ventilato per fare la crosticina sopra, occhio che si bruciano (gli ultimi agli angoli si erano anneriti)

  • Bis di primi (riuscito male, perchè dopo il primo chiedendo quanta pasta buttare per il secondo tutti hanno risposto “poca, poca” e poi quando ho servito non bastava…. i commensali che fanno i complimenti, veramente fraidi)
    • sformato di riso ai due colori con salsa ai formaggi
      380g di riso
      150g di taleggio
      2 dl di panna
      100g di spinaci
      pomorodo per un po’ di sugo semplice
      qualche cucchiaio di parmigiano grattugiato
      1 bicchiere di vino bianco
      burro
      parmigiano
      brodo
      cipolla
      erba cipollina
      pepe, sale

      cuocere il riso come per il risotto, ovvero tritare la cipolla e farla appassire, aggiungere il riso e tostarlo, aggiungere il vino bianco e far sfumare. aggiungere il brodo via via fino a cottura. Togliere dal fuoco al dente e mantecare con parmigiano ed una noce di burro.

      tritare con il mixer gli spinaci e passarli in padella con un filo d’olio. Non avendo gli spinaci freschi ho usato quelli surgelati, bolliti e a fine cottura scolati e strizzati, poi tritati al mixer con un filo d’olio.

      fare del sugo, io ho usato della semplice passata con due foglie di basilico, la ricetta originale propone l’uso di pomodori freschi, ma non avevo tempo.

      dividere in due il riso e mescolare con il sugo di pomodoro da una parte, l’altra parte invece con gli spinaci.

      foderare le cocotte o lo stampino con della pellicola, fare uno strato fino alla metà circa con il riso verde e terminare di riempire con il riso rosso.

      per preparare la salsa, in un pentolino a fuoco basso far sciogliere il taleggio nella panna, insieme al parmigiano. Aggiungere l’erba cipollina ed il pepe abbondante.

      servire mettendo nel piatto fondo uno po’ di salsa e lo sformatino sopra.

      questo piatto pare abbia riscosso successo anche presso insospettabili (vedi luda genesis) seppure se in versione solo riso rosso e salsa visto che il verde come colore proprio non piace…

    • Carbonara
      direi che per questa ricetta non serve alcun tipo di ricetta….

Il tutto è stato servito con al seguito

  • Prosecco
  • Montefalco rosso, mica sono sicuro ma credo fosse Sagrantino
  • Cannonau
  • Un altro rosso, non ricordo, forse Morellino

A fine pasto

  • Caffè
  • Jagermaister
  • Limoncello (immancabile)
  • Gelato

A me pare sia andato tutto bene… agli invitati il commento.

Gli invitati (bravissimi ragazzi!) ci hanno anche portato dei regali 🙂 un mazzolino di fiori, una piantana da mettere in salotto in tono con il colore del divano, ed servizio da 8 di bicchieri. Questo ha fatto si di tenere occupati alcuni invitati per diverso tempo con un bel gioco “Stacca i bicchieri”, visto che il commesso aveva avuto la brillante idea di inserire un bicchiere da vino dentro il bicchiere da acqua facendolo incastrare in maniera praticamente perfetta. Il Batty, quello più occupato dal gioco, mentre gli altri se ne stavano spaparanzati sul divano provando qualche gioco della Wii, forse per colpa anche della quantità di alcool nel sangue (quindi particolarmente fraido) le ha tentate tutte, acqua fredda e acqua calda (scottandosi), acqua e sapone, una limetta (ringando il bicchiere), squotendolo, tirando, spingendo, ci mancava solo il lancio dalla finestra. A fine serata però la Mary con un gesto da mago Silvan in 2 minuti ha concluso il gioco 🙂 lasciando il povero Batty con un palmo di naso e riscuotendo l’applauso di tutti.

Adesso si dovrà organizzare la prossima cena… solo che mo devo trovare un altro gioco con cui impegnare il Batty… 😛 Ab3rro suggerimenti?

Annunci

piccola serata piacevole

per farla ci vuole molto poco, ecco il necessario:

– 1 confezione di ramada (serve sempre 🙂

– 4 amici, buoni mi raccomando meglio pochi ma scelti con cura

– almeno 2 bottiglie di vino (buono perdiana!)

– 1 cucina (dei 6 sopra almeno uno dovrebbe essere in grado di cucinare)

– 1 tavolo

– almeno 6 sedie (in alternativa anche 4 sedie e un divano fanno lo stesso)

– 1 bottiglia di limoncello / passito / moscato / vino da meditazione

Opzionale, 1 Wii 😛

 

Come procedere? Prendere gli amici e farli arrivare alla spicciolata, servire un qualche aperitivo. Una volta aggiunti tutti provvedere a sedersi a tavola e mescolare il tutto con abbontanti chiacchiere (usare molta fuffa e serietà quanto basta). Procedere a mangiare (tirarsi il cibo non servirà a nulla anche se potrà sembrare divertente, molto poco divertente per il padrone di casa). Una volta introdotto il “ripieno” procedere all’apertura delle bottiglie da dopo pasto e versare quanto basta (varia molto, per alcuni non basta mai…). Se avete una Wii a disposizione l’accensione genererà momenti di forte ilarità, ma correte il rischio di infortuni se l’ambiente è troppo piccolo.

Avete finalmente terminato la vostra piccola serata piacevole. Potete sistemare tutto (oppure infilare tutto nel lavandino e lasciare il disastro per il giorno dopo) e infilarvi a letto. Buona notte e sogni d’oro.

Pubblicato su amicici. 1 Comment »

Beccato.. (e dedica)

Sono stato beccato, ma ho qualche idea su chi abbia fatto la soffiata… -.- tanto prima o poi te ribecco.
Ma tant’è… tanto vale ormai presentare uno degli elementi più disturbanti dell’ufficio, Dj ufficiale delle sigle dei cartoon, “addomatore” di cani, minimotociclista, facile all’incazzatura.

Naturalmente è l’elemento a sinistra, visto che il brutto faccione a destra è il mio naturalmente.

Nell’altra immagine invece potete ammirare la sua espressione migliore, solitamente ha anche la bavetta che cola a lato della bocca…. 😛

Programmatore per caso il soggetto in esame, denominato per comodità Sid (per la clamorosa somiglianza con il bradipo di “L’era glaciale”), passa la maggior parte del tempo alla sua scrivania osservando con sguardo perso nel vuoto il monitor, a volte simula l’utilizzo della tastiera, nonostante non abbia la minima idea del significato dei simboli presenti sui tasti…..

Lo conosco ormai dal lontano ’97 (1897 n.d.r.), amici da moltissimo tempo, una delle persone che mi è stata più vicina in questi anni. Ma non posso dilungarmi in complimenti, altrimenti si mette a gongolare… e non posso iniziare a scrivere aneddoti, altrimenti mi ci perdo…

Visto che s’era lamentato della sua assenza all’interno del blog (Ab3 tanto lo so che sei stato te), ora ha un post tutto suo.

Pubblicato su amicici. 1 Comment »